domenica 30 marzo 2008

The Perfect Party Cake and Dorie Greenspan: my first DB challenge

Do you know that Italy is famous for lemons and oranges and tangerine....? Really? you didn't know it?

milk-egg mixture? I had a great idea!

It will be well aerated? I hope so!

European Daring Bakers and the batter

fluffy, silky and glossy...anything else? Just an italian meringue

Building a tower...first floor

Here we are...three layer four sponge cake.

Ulrike kindly has converted for european partecipants cup and oz and stick and ounce in grams and ml

This is the Ulrike converted recipe.

I'm inviting you to read it, finally you will read my comments too.
Dories perfect Party Cake
DB March 08
1 Recipe **** -->
288 (up to 342 *) grams Cake flour, 2 ½ cups
1 tablesp. Baking powder
1/2 teasp. Salt
300 ml Whole milk or buttermilk (I prefer buttermilk
-- with the lemon), 1 ¼ cups
4 large Egg whites
300 grams Sugar, 1 ½ cups
2 teasp. Grated lemon zest
115 grams Unsalted butter, at room temperature, 1 stick (8
-- tablespoons or 4 ounces)
1/2 teasp. Pure lemon extract
200 grams Sugar, 1 cup
4 large Egg whites
345 grams Unsalted butter, at room temperature, 3 sticks
-- (12 ounces)
60 ml Fresh lemon juice (from 2 large lemons, )¼
1 teasp. Pure vanilla extract

5 1/4 tablesp. Seedless raspberry preserves stirred vigorously
-- or warmed gently until spreadable, 2/3 cup
130 grams Sweetened shredded coconut, About 1 ½ cups
Dorie Greenspan's Baking from My Home to Yours (page 250).
Edited *RK* 03/01/2008 by
Ulrike Westphal
Getting Ready
Centre a rack in the oven and preheat the oven to 350 degrees F. Butter two 9 x 2 inch round cake pans and line the bottom of each pan with a round of buttered parchment or wax paper. Put the pans on a baking sheet.
To Make the Cake
Sift together the flour, baking powder and salt. Whisk together the sugar and lemon zest in a mixer bowl or another large bowl and rub them together with your fingers until the sugar is moist and fragrant. Add the butter and working with the paddle or whisk attachment, or with a hand mixer, beat at medium speed for a full 3 minutes, until the butter and sugar are very light. Beat in the extract, then add one third of the flour mixture, still beating on medium speed. Beat in half of the milk-egg mixture, then beat in half of the remaining dry ingredients until incorporated. Add the rest of the milk and eggs beating until the batter is homogeneous, then add the last of the dry ingredients. Finally, give the batter a good 2- minute beating to ensure that it is thoroughly mixed and well aerated. Divide the batter between the two pans and smooth the tops with a rubber spatula. Bake for 30-35 minutes, or until the cakes are well risen and springy to the touch - a thin knife inserted into the centers should come out clean Transfer the cakes to cooling racks and cool for about 5 minutes, then run a knife around the sides of the cakes, unfold them and peel off the paper liners. Invert and cool to room temperature, right side up (the cooled cake layers can be wrapped airtight and stored at room temperature overnight or frozen for up to two months).
To Make the Buttercream
Put the sugar and egg whites in a mixer bowl or another large heatproof bowl, fit the bowl over a plan of simmering water and whisk constantly, keeping the mixture over the heat, until it feels hot to the touch, about 3 minutes. The sugar should be dissolved, and the mixture will look like shiny marshmallow cream. Remove the bowl from the heat. Working with the whisk attachment or with a hand mixer, beat the meringue on medium speed until it is cool, about 5 minutes. Switch to the paddle attachment if you have one, and add the butter a stick at a time, beating until smooth. Once all the butter is in, beat in the buttercream on medium-high speed until it is thick and very smooth, 6-10 minutes. During this time the buttercream may curdle or separate - just keep beating and it will come together again. On medium speed, gradually beat in more lemon juice, waiting until each addition is absorbed before adding more, and then the vanilla. You should have a shiny smooth, velvety, pristine white buttercream. Press a piece of plastic against the surface of the buttercream and set aside briefly.
To Assemble the Cake
Using a sharp serrated knife and a gentle sawing motion, slice each layer horizontally in half. Put one layer cut side up on a cardboard cake round or a cake plate protected by strips of wax or parchment paper. Spread it with one third of the preserves. Cover the jam evenly with about one quarter of the buttercream. Top with another layer, spread with preserves and buttercream and then do the same with a third layer (you'll have used all the jam and have buttercream leftover). Place the last layer cut side down on top of the cake and use the remaining buttercream to frost the sides and top. Press the coconut into the frosting, patting it gently all over the sides and top.
The cake is ready to serve as soon as it is assembled, but I think it's best to let it sit and set for a couple of hours in a cool room- not the refrigerator. Whether you wait or slice and enjoy it immediately, the cake should be served at room temperature; it loses all its subtlety when it's cold. Depending on your audience you can serve the cake with just about anything from milk to sweet or bubbly wine.
The cake is best the day it is made, but you can refrigerate it, well covered, for up to two days. Bring it to room temperature before serving. If you want to freeze the cake, slide it into the freezer to set, then wrap it really well - it will keep for up to 2 months in the freezer; defrost it, still wrapped overnight in the refrigerator.
Playing Around
Since lemon is such a friendly flavour, feel free to make changes in the preserves: other red preserves - cherry or strawberry - look especially nice, but you can even use plum or blueberry jam.
Fresh Berry Cake
If you will be serving the cake the day it is made, cover each layer of buttercream with fresh berries - use whole raspberries, sliced or halved strawberries or whole blackberries, and match the preserves to the fruit. You can replace the coconut on top of the cake with a crown of berries, or use both coconut and berries. You can also replace the buttercream between the layers with fairly firmly whipped sweetened cream and then either frost the cake with buttercream (the contrast between the lighter whipped cream and the firmer buttercream is nice) or finish it with more whipped cream. If you use whipped cream, you'll have to store the cake the in the refrigerator - let it sit for about 20 minutes at room temperature before serving.
And my comments and opinion
I've enjoied this cake it reminds me some Donald Duck cake, those seen in comics or the fabulous 60th in the TV fiction "Happy Days" with Fonzie and Mrs Cunningham for example.

During the preparation I imagined myself with some of that skirt coloured and voluminous!
So...remaining a little bit serious: I choose strawberries, sweet and perfectly matched with lemon flavour.

A perfect couple in my opinion

Follow the recipe wasn't particularly difficult, expecially since Ulrike published the convertion to metric measure.

I hit it on first time! Despite my concerns reading of some difficult in preparing such kind of cake.
I've just used a wet spoon to frost the cake and it was perfect.
Initially I thought making waves with frost but the butter cream was a little beat hard to handed so I was obliged to change in something more simple.

And was funny decide what kind of decoration use and take a lot of pictures.
I love photography and this cake was a photogenic subject.
A pure white frosting in contrast with the pure red of strawberry...

I hoped to make a better decoration but I haven't enough time and a huge amount of job to do, and...I am a simple person so instead of piping some frost I choose the spring theme of strawberry and playing with colour contrast.

Unfortunately I won't stick a post-it of this recipe on my fridge.
I know, I've seemed enthusiastic but I didn't like the huge amount of fat, my family and I think that it's too fatty and too sweet despite it looks like so wonderful and tasty.
Its a dangerous cake, for health I mean and a thiny slice can be enough for a week and the freshness of fruit doesn't cut the fatty sensation eating it.
And I recognized a taste of baking powder too present into the sponge white cake.

But I've enjoied this experience, it was a good one!

Thanks to allow me to partecipate and looking forward the next challenge!

venerdì 28 marzo 2008

esprimi un desiderio

Le prime fragole della stagione.
Io personalmente, dato il mio spirito contadino, ho espresso un desiderio semplicissimo.
Che continui a piovere ancora per un'altra settimana.
Spero che possiate capirmi...d'altra parte una parziale consolazione al maltempo pasquale potrebbe essere il fatto che la Coldiretti ha dichiarato che con queste ultime piogge abbiamo recuperato il 27% della mancanza idrica.
A voi non sembra importante perchè avete avuto freddo e siete meteropatici?
Beh, a me si che sembra importante!

martedì 25 marzo 2008

non sono umbra,nè campana, nè laziale e faccio come mi pare (in english below)

eh si.

Così la mia testolina ha shakerato le ricette di cavoletto, di salsa di sapa e di clelia di P&F
E questo è il risultato.

La crosta sembra sbriciolosa come quella del pane, invece è cedevole e morbida.

L'unica pecca è che magari avrei dovuto mettere la leccarda piena d'acqua sotto la teglia come faccio sempre, ma provateci voi a ricordarvi al sabato notte quando l'unica cosa che volete fare è raggiungere il letto e svenirvi sopra.

io ho fatto così:

-250 gr di pasta d1 pane (ho preparato la sera prima un impasto molto morbido appiccicaticcio per 1 chilo di farina ho messo 2 grammi di lievito di birra e messa a lievitare non in frigo)
-300 gr di farina 0
-3 uova intere e 2 tuorli
-150 gr di pecorino romano grattuggiato
-150 gr di strutto
-150 di auricchio piccante tagliato a pezzetti
-150 gr di salame corallina tritato
-un pizzico di scorza di limone grattugiata
-3-4 cucchiai di olio ev

ho impastato prima la farina con lo strutto le uova e i formaggi e la scorza di limone.
poi ho aggiunto la pasta di pane e alla fine un pò di olio tanto quanto bastava per aggiustarne la consistenza.
messo a lievitare nella ciotola, circa 7 ore.
poi ho insugnato uno stampo a ciambella e ho diviso la pasta in due pezzi, il primo strato, il salame tritato sopra e a coprire il secondo strato.
lasciato lievitare (circa 3 ore) nello stampo fino a che non ha raggiunto il bordo e infornato prima a 200° e poi ho abbassato la temperatura a 170°

La pasta di pane l'ho fatta con 1 chilo di farina, due grammi di lievito e acqua fredda quanto basta ad ottenre un blob molle e appiccicaticcio.
L'ho fatta lievitare non in frigo per 12 ore.

ve lo devo dire che ho usato l'impastatrice?

In english please!

This is called Pizza pasquale and is tipical dish in easter from people in middle Italy, lazio, umbria, marche and campania I mean.

Living in Rome and having a family in law pure roman it's normal eat this kind of pizza.
In my family traditional is the sweet one aromatized with cinnamon and clove.
This is a cheesy version, made with a tipical cheese and hard one called Pecorino Romano and another one called Auricchio or provolone piccante.
If you find some cheese very tasty and salted with hard texture this recipe will work at all or you can use parmesan or a fifty-fifty mixture.


- 250 gr of bread dough (made the evening before with 500 gr of all-purpose flour 7 gr of fresh yeast and the right amount of warm water to achieve a tender dough rest in the fridge all the night and out to reach room temperature at least 4 hours)
-300 gr flour 0 (rich in gluten content)
-3 eggs and 2 yolks
-150 gr di pecorino romano grated
-150 gr suet
-150 di auricchio chopped in small pieces
-150 gr di salami chopped in small pieces with a cutter
- grated lemon zest a little bit
-3-4 tbs of olive oil

I made an initial dough kneading the flour 0, the suet, the eggs and yolks, all the cheese grated and chopped.
Continuing kneading (I must confess, I used a food processor not KA I'm afraid) then add the bread dough in order to reach a smooth dough a little bit hard in consistence.
I've adjusted it with the oil, but wasn't a good idea I think as the matter of fact the pizza was crunchy on surface instead of soft. It was unusual but delicious we finished it in few minutes!
I waited about 3 hours (the considerable amount of eggs and fat protract the raise of the dough) till the dough had doubled in volume.
Put in a round shape pan with a hole in the center (I don't know how this kind of pan is called, we call it ciambella) and still wait till the dough had achieved more than half of pan height.
Then in the oven at 180#C I think about 450°F for 45 50 min or whe it is brownish on surface.

venerdì 21 marzo 2008


Niente di mangereccio stavolta ma solo un pò di fiori primaverili per augurarvi una buona pasqua a tutti ma proprio tutti.

Di solito non amo farlo però...un augurio speciale e una pagina di Sale & Pepe vanno a lei
edito chiedendo scusa
La pasqua in Sicilia, nonostante io la senta poco, è cosa seria.
Tutto un fiorire di processioni del venerdì santo, un susseguirsi di penitenze e festeggiamenti.
Un avvenimento mediastico e sociale senza pari (e non me ne vogliano quelli di altre regioni).
Pertanto vi invito a seguire la processione dei misteri di Trapani.
Questo link mi sembra il più completo.
Inoltre, sbadatella come sono, ho dimenticato di segnalarvi una delle tradizioni più interessanti della mia provincia per la festa di San Giuseppe.
E soprattutto date un'occhiata al link della città di Salemi.
Secondo me vi vien voglia di fare una bella gita il prossimo anno.

mercoledì 19 marzo 2008

settimana santa

Sembra che questa pasqua stia arrivando un pò in sordina nella nostra casa.
Sarà anche il fatto che non siamo ancora del tutto usciti dalla coda dell'influenza che ha investito tutta la famiglia però non è che si salti di gioia.
Comunque proprio per non far passare in silenzio questa ricorrenza ecco un dolce non mio (nel senso di non siculo) ma che tanto mi piace.
Io la pastiera l'ho conosciuta a Roma.
ogni anno ne arrivavano ruoti e ruoti (il ruoto per i non campani è la teglia rotonda) portati da giù dalle mie amiche campane e puntualmente scattava il campanilismo.
Quest'anno mia zia Linuccia s'è superata, mia mamma la fa meglio, no la signora Concetta vicina di casa le fa insuperabili, assaggia assaggia si finiva a fare le due del mattino e le pastiere venivano consumate direttamente nel ruoto.
Eh già perchè così doveva essere la pastiera con il ripieno succoso quasi bagnato, la vera pastiera (non la mia) si mangia nel ruoto, troppo bagnata per essere sformata.
E così si va alla mia.
Versione senza canditi perchè non mi piacciono, non ci posso far niente.
Mi piacerebbe provare quella con il grano da ammollare ma già non ho il tempo di postare le cose che faccio figuriamoci ammollare il grano per 15 giorni e sciacquarlo tutti i giorni.
vabbè mia (per un ruoto da 26 cm)
- pasta frolla fatta così
* 500 gr di farina 00
*250 gr di strutto
*200 gr di zucchero
* scorza di limone grattugiata
* 3 tuorli
si lo so c'è lo strutto e allora?
La tradizione è tradizione, anche se non è mia.
per il ripieno
* 1 barattolo di grano precotto
* 100 ml di latte
* un cucchiaio di burro
* una presa di sale
* 600 gr di ricotta di pecora
* 300 gr di zucchero
* essenza fior d'arancio o aroma fior d'arancio o acqua millefiori
* 5 uova intere
Versare il contenuto del barattolo in una pentola e far scaldare con il latte, il burro e il sale fino ad ottenere una crema.
Io invece amalgamo tutto insieme e aspetto solo che il burro sia fuso perchè preferisco che il grano rimanga abbastanza sgranato.
Montare le uova con lo zucchero finchè non diventano bianche e spumose
aggiungere la ricotta setacciata e il grano.
Aggiungere l'acqua aromatizzata (sulla dose non mi pronuncio, assaggiate e decidete)
Con la pasta frolla foderare la teglia tenendone un pò da parte per le strisce di decorazione.
Versare il ripieno dentro il guscio di pasta e cuocere in forno a 180° C

giovedì 13 marzo 2008

sic et simpliciter

che si fa se ti gira la testa, hai avuto la febbre e ti girano anche altre cose un pò più in basso e non si sa nemmeno perchè?
ora la torta c'è e c'è anche il cazzeggio fotografico.
adesso devo solo fare la prova del nove...editerò una volta avuta conferma.
L'ottavo segreto...come l'ottavo nano!

Come dite?
ah, si la torta.
Niente di che.
semplicemente la ciambella alla panna che si trova sulla busta della farina autolievitante.

- 250 gr di farina 00 o autolievitante
- 200 gr di zucchero
- 250 ml di panna fresca da montare
- 3 uova intere
- aroma a piacere, semi di vaniglia, un paio di cucchiai di rhum, buccia di limone quel che vi pare
- 1\2 bustina di lievito per dolci (se non si usa la farina autolievitante)

montare le uova con lo zucchero fino ad avere un composto spumoso, gonfio e biancastro.
aggiungere la panna e continuare a montare.
Aggiungere l'aroma scelto, la farina setacciata e il lievito

io poi ho diviso il composto in due metà una l'ho lasciata così e all'altra ho aggiunto un paio di cucchiai di cacao amaro.
L'idea era quella di fare una torta zebrata semplicemente mettendo i ripieni alternati a cucchiaiate uno sull'altro.
Vabbè, mi spiego meglio.
mettete una cucchiaiata abbondante (meglio due) di composto bianco al centro della teglia, su quello mettete analoga quantità di quello al cacao e poi sempre ponendo il composto al centro alternate i due.
Dovrebbe venire zebrata.
A me viene solo na' ciofeca da questo punto di vista.
Le mie bambine la chiamano torta Tigro e va bene così.
In forno a 160#C e prova stecchino.

domenica 9 marzo 2008

sette segreti

interno sera.
Mio suocero si avvicina a curiosare mentre io spignatto e mi chiede: Beh, come va?

e io, allargando le braccia, e come deve andare...non c'è tempo per il peccato!

così vi fate un'idea del fatto che di veri segreti proprio non ne ho.
La perfida che mi ha messo in questo guaio magari lo sapeva pure!
vabbè qualcosa rimedierò strada facendo.

1. ho mangiato le caccole da bambina.
ecco un segreto schifoso ma chi è senza peccato scagli pure la prima pietra!

2. nonostante l'apparenza di ragazza grintosa e che non ha paura di niente devo confessare che ho una paura fottuta del buio e anche dei serpenti.
gli psicologi che passano di qua possono invocare Freud quanto vogliono, accomodatevi!

3. un segreto segretissimo.
Sono stata innamorata di un mio compagno di classe del liceo. Ma per non darlo a vedere ci litigavo tutti i giorni. Dopo anni una mia amica mi incontra e mi dice: ancora non mi spiego come tu e Peppe non vi siate mai fidanzati...e ti credo lo trattavo malissimo...

4. il mio primo vero fidanzato non mi è mai piaciuto più di tanto ma ci stavo insieme solo per il fatto che non piaceva ai miei genitori. Quattro anni e mezzo!!!!

5. nelle mattine d'estate approfittando che mia mamma era in ufficio mi piazzavo in cucina e pasticciavo, certe schifezze immonde ed ipercaloriche che poi divoravo di gusto (anche per far sparire le prove!)

6. quando avevo 15 anni mi son convinta che ero ormai grande e ho fumato la mia prima sigaretta. Mio padre se n'è accorto e me le ha date di santa ragione, e ne aveva da vendere di ragioni...

7. ho preso 27 all'esame di anatomia 2 ma siccome era una prova in itinere ho raccontato che avevo preso 30 sennò sai che palle tutta un'estate di rimproveri. Ho recuperato dopo, ovviamente.

vi aspettavate qualcosa di piccante?
Desolata, aspetterò l'altra vita.

sabato 8 marzo 2008

ah, è 8 marzo?

L'unico motivo per ricordarmene è perchè Fiordisale e Zorra hanno invitato a partecipare a questo round up tutto in giallo.

Purtroppo il tempo è quello che è e non ho potuto preparare niente di giallo, chiedo venia.

Così ricorro all'archivio del solito forum (così il mio anonimo commentatore si farà quattro risate).

La ricetta, comunque mia, la trovate qui
Ah, semmai vi venisse curiosità anche l'impronta dei denti è mia :D

giovedì 6 marzo 2008

la macro stirata e la mollica (in english below)

un post di Giovanna e la discussione sull'argomento accesa e interessante avviata su P&F.

ComidadeMama ha nella sua sidebar dei link sulla fotografia estremamente interessanti e il suo post più recente
inizia proprio con un commento alla foto (Comida se leggi di qua anche io preferisco le briciole :D)

Personalmente penso che si debba tener presente che chi vede la foto deve capire di cosa si stia parlando, deve sapere che quella fragola appartiene ad una torta che oltre alla fragola ha la crema o la panna e una base e così via.

perchè la foto deve esprimere qualcosa, insomma il carattere di chi l'ha fatta, deve essere personale e secondo me deve andare per gradi dal generale al particolare.

Insomma la foto di un piatto ti deve invitare a sederti a tavola e proprio come quando ci si siede l'occhio prima guarda il piatto e la sua composizione generale (esattamente quello che è espresso secondo me perfettamente nella foto di Giovanna), guarda anche le stoviglie, la posateria, la tovaglia, gli accostamenti dei bicchieri o le decorazioni della tavola.

Una volta seduti ci si concentra su quello che si mangerà e quindi anche sul particolare e il particolare se prima è intatto poi inevitabilmente viene smollicato e allora ecco la foto di Comida che invita, anzi ti costringe, a tirare su con le dita quelle briciole.

perchè dico questo?

perchè ultimamente nei blog patinati dei food styler mi capita di vedere foto un pò troppo stirate apppunto.

Spesso la fa da padrone la macro della macro della macro e così si finisce di fotografare un lampone che sta nella luce giusta appoggiato sulla torta al cioccolato si torta al cioccolato? :D

illuminante in questo percorso è stato un mio collega.

gli ho fatto vedere alcune foto della torta tenerina ferrarese.

Erano delle macro abbastanza stirate per cercare di mettere in risalto la consistenza cremosa dell'interno della torta.

il commento è stato impietoso: Si, ma la torta 'ndo sta? Me fai vedè che me devo magnà?

E aveva ragione, la torta non c'era, c'era un magma marrone ma la torta no.

Chi avrà avuto la pazienza di leggere questa divagazione si chiederà a questo punto che c'entrano le foto in alto.

Probabilmente, è che l'ideazione di un post con queste premesse è venuta mangiando proprio quella pasta lì.

Un piatto tipicamente siciliano che a casa nostra chiamiamo pasta ca' muddica, pasta con la mollica e che nella mia famiglia si chiama pasta alla milanisa, va a sapere perchè.

Di una semplicità disarmante e anche un pò bruttino se vogliamo.

ecco, secondo me, in questo caso la macro ci stava proprio bene. :D

-per 4 persone

- 400 gr di spaghetti

- 4 spicchi di aglio

- 10 acciughe salate, se usate quelle nel barattolo ne bastano una decina di filetti se quelle sottosale intere allora 5 bastano

- salsa di pomodoro

- pangrattato

- olio d'oliva

Mettete l'olio in una padella e dorate gli spicchi di aglio pelati.

Fuori dal fuoco sciogliete nell'olio caldo ma non bollente i filetti di acciuga e aggiungete la salsa di pomodoro (quella che basta a condire 400 gr di spaghetti). Fate andare e mentre la pasta cuoce mettete in una piccola padella il pangrattato (vabbè diciamo 150 gr) mescolato a due cucchiai di olio d'oliva e fatelo tostare; una volta pronto mettetelo in una scodellina e portatelo a tavola per usarlo come fosse parmigiano grattugiato.

Condite gli spaghetti con il sugo e impiattate.

ognuno poi spolvererà il suo piatto con il pangrattato.

English editing

This is a dish of my family but in sicily is usual use bread dried and grated dusting everything, fish, meat...even spaghetti!

So here is the recipe

serves 4

- 4 garlic cloves

- 5-7 salted anchovies

- tomato sauce

- olive oil

- 150 gr bread dried and grated

- 400 gr spaghetti

fry slightly the garlic cloves in a pan with olive oil.

Out of flame melt the anchovies and add the tomato sauce put on the flame again and allow boil gently.

Boil spaghetti and in the meanwhile melt the bread with oil put it in a little pan and toast briefly until is light brown in colour.

Mix cooked spaghetti with sauce and dredge with bread.

lunedì 3 marzo 2008

ed ecco a voi il coniglio che vi avevo promesso

disse il mago tirando fuori il coniglio dal cappello a cilindro...
E Sicilia sia! disse Sandra tirando fuori il suo coniglio dal cappello a cilindro qualche tempo fa.
E come sempre accade le ricette di famiglia hanno un sacco di punti in comune ma anche un sacco di differenze, che ne so...dipende dalla cucina dalla mano e...dalle nonne!
Tanto che mia madre appena sposata fece il coniglio e mio padre (che da questo punto di vista è assolutamente insopportabile) le disse: "chiama mia madre e fatti dire da lei come si fa!" salvo poi non mangiarlo nemmeno se fatto alla nonna maniera, bah questi uomini viziati!
Io invece ho scoperto che le bestioline che ho in casa lo adorano.
Puliscono gli ossicini meglio di un gatto affamato ;D
E allora eccolo il coniglio nella ricetta della nonna di cui orgogliosamente porto il nome.
- 1 coniglio a pezzi
- pomodori pelati
- una cipolla
- mezzo bicchiere di vino bianco
-un paio di spicchi di aglio
- aceto di vino bianco
- zucchero
- olio d'oliva
- sale e pepe
Rosolare il coniglio a fuoco vivace e metterlo da parte. (ve lo devo dire che va lavato e asciugato?)
Nello stesso tegame far appassire una cipolla piccola tritata finemente, rimettere il coniglio e sfumare con il vino bianco.
Aggiungere poi il pomodoro (mia madre direbbe poco, io ne metto in genere una scatola) a pezzetti e lasciar andare incoperchiato a fuoco basso.
Circa 10 minuti prima della fine della cottura aggiungere l'aglio pestato nel mortaio (oppure tritato o schiacciato o intero insomma regolatevi) e un mix di aceto e zucchero.
Volutamente non ho scritto le dosi dell'aceto e dello zucchero, dipende da voi.
Io per esempio uso un bicchiere piccolo verso 3 dita di aceto e due cucchiaini di zucchero ma potete tranquillamente cambiare la proporzione secondo il vostro gusto.
Vi consiglio però di mantenervi proporzionati, a cambiare si fa sempre a tempo a rimediare no.
Far evaporare e regolare di sale e pepe.